Loading...

Anno 1953

I° MOTOGIRO D’ITALIA

30 marzo – 05 aprile 1953

Circuito: Italia
Moto: Moto Rumi Sport 125 cc con forcella anteriore
standard, ma scarichi uguali a quelli montati sulla Rumi SS52.
Targa: PG17650.
Numero di gara: 235.
Casco: Scuro con stemma Rumi.
Posizione: Ritirato a Barletta.
Documentazione di riferimento: Fotocronaca (prot. 1953 1-2)
Motociclismo (prot. 4,5), La Nazione (prot. 107).

 

Nel 1953 venne inserito nel calendario delle gare nazionali, per la prima volta, il Motogiro d’Italia. Una gara durissima che si snodava lungo tutta la penisola attraverso successive tappe nel corso di una settimana di gara. Lo Zio, nonostante fosse ancora a corto di esperienza su gare così impegnative, decise di parteciparvi.
Anche in quell’occasione corse con una Moto Rumi Sport 125 cc., che montava la forcella anteriore standard, mentre gli scarichi erano quelli usati sulla Rumi SS52 Gobbetto.
Grazie alla documentazione del Sig. Sabatini siamo a conoscenza del fatto che purtroppo si ritirò nei pressi di Barletta a causa di un incendio alla moto.

[/fusion_youtube]

Nel maggio 1953 si può ipotizzare una partecipazione in una gara svoltasi alle Cascine. (prot. 6), anche se non se ne hanno le prove.
 

VIII° MILANO – TARANTO

22 giugno 1953

Circuito: Milano, Bologna, Roma, Napoli, Taranto.
Moto: Moto Rumi Sport 125 cc. (la stessa del Motogiro).
Numero di gara: 171.
Casco: Scuro con al centro lo stemma Rumi.
Posizione: 20° Classificato.
Documentazione di riferimento: Fotocronaca (prot. 1953 27-28)
La Nazione (prot. 7), Motociclismo (prot. 8), libro Moto Rumi.

 

Nel 1953 la Milano-Taranto già era una corsa leggendaria, una gara quasi disumana: partenza alla mezzanotte da Milano e arrivo a Taranto in un’unica tappa.
Lo Zio non si sottrasse a questa avventura e vi partecipò con la Moto Rumi utilizzando di nuovo la versione con gli scarichi della SS52.
La cronaca della gara racconta che la lotta per la vittoria fu combattuta da Provini e Tarantini, che gareggiavano in sella alla Benelli. Alla conclusione dell’interminabile maratona Tarantini si classificò al primo posto e concluse la corsa in 14h 31′, mentre Provini giunse al secondo posto in 14h 45′.
Lo Zio, alla sua prima partecipazione, non fu mai in lotta per la vittoria, non mancò, comunque, di comportarsi molto bene, classificandosi al ventesimo posto di categoria.

Successivamente a queste partecipazioni che sono certe e documentate, ho recuperato informazioni su alcune gare, nella quali la partecipazione dello Zio è però incerta. A Torino, il 05 giugno 1953 e a Livorno il 12 luglio 1953 potrebbe avervi partecipato, anche se non è probabile perché erano gare di Campionate Italiano, a cui ancora non partecipava. (prot.9, 10).
Forse potrebbe aver partecipato alle gare di Pistoia il 26 luglio 1953 e a Spoleto il 16 agosto 1953 nelle quali si imposero rispettivamente Provini (Mondial) e Artusi (Mondial). (prot. 11, 12).

III° CIRCUITO MOTOCICLISTICO FOLIGNO

4 Ottobre 1953

Circuito: cittadino per le vie di Foligno (43 giri).
Moto: Gilera 150 cc. con parte anteriore carenata.
Numero di gara: 35.
Casco: Scuro con lo stemma Gilera.
Posizione: 3° Classificato.
Documentazione di riferimento: Centritalia (prot. 13), Motociclismo
(prot. 14), Fotografie (prot. 1953 29-30-32-33).

Alla fine della stagione 1953 lo Zio iniziò la collaborazione con la Gilera. Tale collaborazione in realtà è documentata solo per questa gara, infatti già nella stagione successiva cominciò ad usare la Moto Perugina.
Nonostante il breve rapporto, non mancò un buon risultato come questo di Foligno.
Lo Zio scattò dalla pole position e al primo passaggio era al terzo posto preceduto da Ferranti (Gilera) e Mugnaini (C.N. 160). Al terzo passaggio Mugnaini conduceva su Ambrosi, Baglioni (Gilera) e Ferranti. All’ottavo giro lo Zio passò in quarta posizione, poi a causa di un errore di Ferranti e di un problema di Mugnaini tornò in seconda posizione. Ferranti iniziò il recupero e raggiunse di nuovo Ambrosi quando ormai Baglioni era definitivamente in testa. Durante la lotta Ferranti stabilì il giro più veloce a 82.703 Km/h. La classifica finale vide Baglioni primo che impiegò 1h 3′ 13″ a concludere i 43 giri di gara, Ferranti secondo a 19″ e Ambrosi terzo a 1′ 06″.

2018-02-06T16:52:38+00:00

Archivio Tematico